single-image

Shibory e Soutache.

Oh! Mia cara Dea! Che immenso piacere trovare uno spazio in questo tuo bellissimo mondo colorato!!!

Un ringraziamento speciale a te e un saluto affettuoso a tutti coloro che seguono il tuo blog!

Mi chiamo Serena creo gioielli tessili e sono siciliana

Sono nata con le matite tra le mani, almeno così racconta la mia mamma che, fin da quando avevo 2 anni, ha raccolto con cura i miei disegni.

Con l’orgoglio tipico che le mamme nutrono per noi figli lei ha sempre narrato che la prima volta che mi mise una matita tra le mani io non imbrattai il foglio con incomprensibili scarabocchi ma bensì disegnai una faccia rotonda con occhi, naso e bocca…

Per quanto se ne vanti non sono mai diventata un nuovo Leonorado ma mi piace lasciarle questa effimera sensazione.

Tuttavia, da che ne ho memoria, in effetti ho sempre amato avere a che fare con la creatività.

Dopo le medie ho fatto un percorso di studi artistici che ho amato tantissimo!

Poi il mondo del lavoro mi ha portato da tutt’altra parte…

Tuttavia in quegli anni non ho mai smesso di leggere e studiare alimentando i miei interessi: le monografie dei grandi artisti come anche i testi di museologia hanno continuato a riempire i miei scaffali, ho continuato a dipingere, a creare illustrazioni per vari testi, ho scritto articoli per una rivista on-line di arte, ho pitturato vasi e piatti decorativi e molto altro.

Tra le tante passioni c’era quella per i monili artigianali e desideravo farne di miei.

Era il 2008 e lavoravo ancora per una azienda privata ma nel tempo libero realizzavo gioielli con intrecci di fili d’argento su pietre dure.

Poi è stata la volta di gioielli tessili realizzati con nastri e stoffe impreziosite da perle

Nel 2011 mi sono iscritta su FB con l’intento di mostrare i miei gioielli tessili. Il consenso che ricevetti  fu di incoraggiamento e ne avevo davvero bisogno perchè era una fase particolare della mia vita.

Ero diventata mamma da un paio di anni, nel frattempo avevo lasciato il lavoro, avevo bisogno di reinventarmi, di tornare alle origini e di fare qualcosa che veramente amavo.

Come spesso accade la creatività, le nostre passioni in generale, diventano la nostra ancora di salvezza, il nostro angolo felice

Creavo i miei gioielli felice come una bimba che gioca

Ricercavo costantemente nuovi materiali su siti stranieri e un giorno mi son trovata a scoprire un particolare nastro di seta lavorato in modo artigianale: plissettato a mano e tinto con la tecnica shibori. Fu un vero colpo di fulmine, ne vennero fuori dei primi gioielli in cui, giocando con questo nastro, riuscivo a creare sinuose e affascinanti forme variopinte.

Poco dopo ho iniziato a seguire alcuni corsi per imparare delle tecniche particolari per realizzare gioielli tessili (soutache e bead-embroidery) così l’approssimazione iniziale ha ceduto il posto, pian piano, ad una competenza tecnica più concreta e completa. Quelle tecniche appena apprese si sono fuse col mio amore per i nastri di seta.

Dal 2013 ha avuto inizio una lunghissima serie di gioielli realizzati in soutache e bead-embroidery (ricamo di perline) con inserti di seta shibori… Sono trascorsi un pò di anni.

La seta è rimasta uno dei miei preziosi “ingredienti” ma negli ultimi 2 anni sto utilizzando prevalentemente solo il soutache.
Il soutache è una tecnica antica che vede l’utilizzo di cordini cuciti in maniera decorativa su abiti o sulle giacche degli ufficiali di un tempo, solo recentemente questa tecnica è stata applicata al gioiello.

Una infinita varietà di cordini colorati (chiamate “piattine”) vengono cuciti tra di loro insieme a perle e cristalli creando delle stratificazioni e dei grovigli; degli affascinanti intrecci che danno vita a gioielli unici e pieni di carattere.

E parlando di carattere provo a spiegare ciò che mi ispira e che contraddistingue i miei lavori.

Ho sempre avuto un grande amore per il colore, anche quando frequentavo l’Accademia di Belle Arti il mio interesse ed i miei studi erano focalizzati  sulle cromie.

Ho sempre giocato con acquerelli e inchiostri: la mescolanza di questi colori liquidi e brillanti è un processo magico che mi affascina molto e ho sempre pensato che, al di là delle preferenze sui singoli colori, tutti i colori possono essere bellissimi se sapientemente abbinati.

Studiare gli abbinamenti di colore è, tutt’oggi, una fase importantissima del mio atto creativo.

Inoltre ciò che mi ispira trae molto spunto dai colori della mia terra.

Vivo in Sicilia in una località di mare. L’azzurro sconfinato e cangiante del mare è la prima cosa che vedo quando apro le finestre ed è per tale ragione, immagino, che gli azzurri (mescolati ai verdi) sono i colori che contraddistinguono maggiormente le mie creazioni.

Un altro ingrediente che non manca quasi mai nelle mie creazioni è un tocco di oro: immancabile accento che forse trae origine, anche lui, dalla mia sicilianità, dall’opulenza del barocco, dalla luce dorata del sole che domina le nostre terre calde

La scorsa estate ho dato vita ad una serie di creazioni che forse più di tutte ha espresso la sicilianità che è in me. E’una linea di gioielli che vede protagonisti, oltre all’oro, il bianco e l’azzurro delle maioliche e il giallo dei limoni.

E’ stata una serie amatissima, da me come dalle mie clienti che hanno così permesso che potessi portare un pezzetto di Sicilia in varie parti del mondo. 

L’apprezzamento che giunge dagli altri è senza dubbio un incentivo che porta entusiasmo e soddisfazioni lungo il mio percorso.

Una piccola, ma importante per me, soddisfazione degli ultimi anni è stato l’incontro con una grande azienda come la Swarovski.

Da sempre utilizzo i loro meravigliosi cristalli per illuminare le mie creazioni e qualche anno fa ho avuto la gioia di vincere un loro contest.

A seguito di quel contest sono stata ospitata in azienda, in Austria, dove ho vissuto la mistica e sublime esperienza di visitare il loro archivio storico e, successivamente, di ricevere la nomina di Brand Ambassador per la Swarovski CYS (il ramo di azienda che, appunto, si occupa di componenti per creativi, designer, stilisti etc…)

Siamo agli inizi del 2020.

Oggi come 9 anni fa sono una donna che continua a divertirsi un mucchio facendo ciò che più ama.

Non mi si chieda quali sono i miei progetti futuri o le mie ambizioni perchè in tutta onestà non ne ho.

Sono totalmente e pienamente soddisfatta del mio piccolo mondo colorato da non avere particolari progetti.

Mi basta sperare di continuare ad avere la fortuna di fare ciò che amo , tutto il resto che verrà sarà un “di più“.

Il fulcro di tutto per me risiede nella possibilità di continuare a creare, di sedermi ogni giorno al mio tavolo, circondata da scintillanti cristalli e nastri variopinti.

Trovo che una passione creativa, qualunque essa sia ed a qualsiasi livello, sia un grandissimo toccasana per l’animo umano, un rifugio prezioso, un motore che alimenta le nostre menti e le nostre mani.

Un luogo dentro la nostra mente che pulsa come un secondo cuore e ci fa sentire vivi e felici.

Ecco, io chiedo solo che quel cuore continui a pulsare. 

Concludo con una abbraccio a te, Dea, perchè tu questa passione l’hai sempre coltivata al massimo delle tue potenzialità, hai colorato tutta la tua vita e ogni cosa che ti circonda aiutata da un grande talento ed uno spiccato senso artistico, originale e pieno di personalità.

Sono felice di averti incontrata, ormai un pò di anni fa, perchè conoscendoti ho potuto volare anche io con colorate ali di farfalla nel tuo fantastico e coloratissimo mondo!

Buona creatività a tutti e che il colore sia sempre un prezioso ingrediente nelle nostre vite!

 

 

 

 

 

❤Le immagini di questo articolo sono proprietà di Serena Di Mercione.

 

2 Comments
  1. https://waterfallmagazine.com
    Hi there, just wanted to tell you, I loved this article. It was inspiring.
    Keep on posting!

    • dea 2 mesi ago
      Reply

      Thank you…😍😍😍

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may like